28.8.08

Il potere della spontaneità

0 commenti
Read more

27.8.08

Ah. L'italia.

1 commenti

La “soluzione” del problema Alitalia “non è una bufale, è un imbroglio politico”.

E a guidare la cordata non ci sono “capitani”. Ma “capitalisti”, che è un po’ diverso.

 

Con lucida puntualità, ne parla Eugenio Scalfari su Repubblica.it.

 

Io non ne capisco un granché. Non sono acculturato ne’ preparato per entrare così nel dettaglio. Ma un paio di riflessioni mi sovvengono:

 

1) Roberto Colaninno come numero 1 di una newco NON mi rasserena a livello occupazionale e di sviluppo organizzativo.

 

A Ivrea c’era l’orgoglio dell’informatica europea (1985: primo produttore europeo di computer e secondo a livello mondiale!). Ahimé zoppicava da tempo, e in modo sempre più evidente..

Colaninno&Co furono bravissimi a risolvere il problema: le ruppero entrambe le gambe, e la Olivetti smise effettivamente di zoppicare.

 

2) “compagnia aerea italiana”….ma che cazzo di nome eh?!?! A parte che l’acronimo è già con orgoglio occupato dal Club Alpino Italiano, resta comunque l’originalità e l’innovazione nella scelta. Come se ti nasce un figlio, e lo chiami “nonno Gepìn”.

 

Già che ci siamo ne aggiungo una terza, di riflessione:

 

AirFrance aveva in programma X esuberi. La reazione dei sindacati fu Y.

Risolvere il problema a casa propria costerà circa 2X, in termini di risorse umane.

Non so se la reazione dei sindacati dovrebbe essere 2Y o addirittura Y alla seconda.

So che sarà con ogni probabilità semplicemente ZERO.

Ah, noi mica ci si fa mettere al tappeto dall’avversario straniero.

Preferiamo martellarci da soli gli zebedei sul ring fino a svenire, che agli spettatori questo genere di spettacoli piace tanto.

Read more

25.8.08

Nono posto pari merito

0 commenti

Classifica

Paese

Oro

1

Cina

51

2

Stati Uniti

36

3

Russia

23

4

Gran Bretagna

19

5

Germania

16

6

Australia

14

7

Corea del Sud

13

8

Giappone

9

9

Italia,

Michael Phelps

8

Read more

E' shopping baby...

0 commenti

Sabato:

 

1)       Io Bimbo

2)       Auchan sezione infanzia

3)       Prenatal

4)       Chicco

5)       Prenatal Stock

6)       Ritorno da Io Bimbo

 

Ti sfido a battermi.

 

Read more

21.8.08

La Storia delle Cose

0 commenti

Vuoi spendere bene 20 minuti e 55 secondi del tuo tempo?

Guarda questo video.

http://video.google.it/videoplay?docid=-2138416794381091301

E se vuoi la DOCUMENTAZIONE su cui si basa questo bellissimo video educativo, visita anche il sito.

Diffondilo. Fallo vedere ad amici, a parenti, nelle scuole.

Perché – come dice Annie Leonard al termine del video, non è da visionari voler cambiare il modo di vivere e di consumare.

E’ da visionari pensare di poter continuare con il modo attuale.

(via Pandemia)

Read more

20.8.08

e se copiassero i tuoi, di giochi?

0 commenti

Da un lato:

Cliff Harris, 38 anni, programmatore indipendente di videogiochi.

Discreti e divertenti. Li vende a meno di 20$. Scopre che i pirati raccano parecchio i suoi giochi, anziché comprarli. Prova l’ “arma del dialogo” con un bell’annuncio online, che fa il giro del mondo:

 

I want to know why people pirate my games. I honestly do.

This is not some silly attempt to start a flamewar, it’s not at attempt to change anyones mind about anything. I don’t want to argue my side of it, and there is zero ulterior motive. I’m not looking to ‘catch’ anyone, or prove any points.

I know what I don’t know. And what I don’t know is WHY people pirate MY games.

 

Ottiene un sacco di risposte. Ci lavora su seriamente, mettendosi in gioco in prima persona sulle riflessioni ricevute dai pirati stessi.

Dettagli e fonte: Antonio Tombolino.

 

Dall’altro lato:

Sei aziende che producono videogames intentano cause legali contro dei privati che hanno scaricato illegalmente videogiochi.

O meglio: intimano di pagare immediatamente 300 sterline, in caso in contrario saranno trascinati in Tribunale.

Dettagli e fonte: La Repubblica.

 

E’ facile fare il “futurologo esperto di internet”: le aziende non vogliono cambiare il lodo approccio al business, sono retrograde, non sanno trarre vantaggio dalle reti p2p etc etc.

Il fatto è che quel ragionamento funziona senza dubbio più facilmente, se si parla di aziende che producono musica o film.

Un’impresa che per core business sviluppa software dovrebbe (dico: dovrebbe) essere di fatto dotata di più elevate capacità di adattarsi ad un contesto come la Rete.

Eppure.

Eppure anche loro vanno dall’avvocato, e minacciano. Non si offrono alla “Grande Conversazione”. Provano a schiacciare gli insetti più fastidiosi.

 

Non so esattamente come pensarla, a questo punto.

Mentre ci filetto su, metto però, faccio un giro sul sito della Positech Games.

Il sito dell’azienda di Cliff Harris.

Read more

ricordare aiutando

0 commenti

da  Valentina <sua mail>    10.25 (50 minuti fa) 

 a  Daniele Biolatti <mia mail>  

 data  20-ago-2008 10.25  

 oggetto  ciao!

 

ciao!

tutto bene?

Ho incontrato Augusta, la responsabile dell'associazione di Sergio in Etiopia..

Bisogna mandar giù un container di cibo. [rimosso il nome di due catene della GDO] e altre catene non collaborano,l'unica è riuscire a fare una raccolta soldi e comprare all'ingrosso...

Se volete partecipare (basta poco..anche 5 euro) o se vuoi fare un passaparola tra amici , parenti, lavoro..è un buon modo per portare avanti il progetto di Sergio..

Ci vediamo venerdì,baci

 

 

sito dell'associazione www..ilsognoditsige.it

Read more

...forse un senso non ce l'ha...

0 commenti

Questo è il giorno di Sensi e di Sensini.

Read more

19.8.08

Gandhi il Testimoniail

0 commenti

Va bene tutto.

Famiglie Mulino Bianco che non litigano mai, con papà che alle sette di mattina è già incravattato e pronto per la riunione con l’Amministratore Delegato, previa consegna (magari pure in anticipo) dei bambini a scuola.

Compagnie telefoniche che seguendo la schizofrenia della società alternano Paris Hilton a Luciana Litizzetto.

Banche che non sanno più che nome inventarsi e optano per “Che Banca!”. E non riescono a creare nulla di meglio di un musical in strada, come campagna di marketing.

Va bene.

Ma arrogarsi il diritto di usare un’icona come Gandhi come Tesimonial, no.

Telecom Italia l’aveva già azzardato alcuni anni fa.

L’ha rifatto. Con la “scusa” di un ipotetico discorso “scoperto da poco”, e pubblicato e diffuso ai quattro venti proprio grazie alla magnanimità di Telecom.

A conferma ulteriore di ciò, poi, oggi leggo su Disinformatico di Paolo Attivissimo che NON c’è alcun nuovo discorso.

Quello spacciato come “nuovo” è pubblicato onlinesu internet a questo indirizzo da almeno quattro anni.

Vogliamo dare una definizione per questo filone di spot, a questo punto?

Io propongo “sciacallaggio etico”.

Su YouTube tra l’altro imperano le parodie di questa pubblicità. Eccone un paio, vuoi per sorridere, vuoi per riflettere:

Posted by email from Daniele...in punta di mouse. (posterous)

Read more

8.8.08

tre...due...uno...Connesso!

1 commenti
Benritrovato.

Questa è la naturale prosecuzione del blog ospitato su posterous. Che da oggi rappresenterà, sostanzialmente, una sorta di "mirror" più o meno completo di quanto troverai da queste parti.

E che ci trovi, da "queste parti"?
Mah, un po' quello che ho voglia di dirti e di condividere, direi. Il che può tranqullamente oscillare da riflessioni tecno-socio-politiche a segnalazioni di siti web 2.0 e per farla breve di tutto un po'...
Insomma, il mio "diario pubblico", in virtù del fatto che mi ritengo pieno di difetti (un po' come tutti, d'altronde), ma con (almeno) una caratteristiche che personlamente ritengo positiva: l'estrema e totale trasperenza rispetto a ciò che penso.

Tu dagli un'occhiata. Se poi trovi qualcosa che ti interessa, ne sono felice sin d'ora... :-)

Ah, a scanso di equivoci: questo blog, quando ad aggiornamenti, consideralo pure un "saltuariodico"... ;-P

daniele
Read more
 

In Punta di Mouse Design by Insight © 2009